LA DOLCE VITA; COSCIENZA E CONOSCENZA DELI ZUCCHERI PDF Stampa E-mail
Share

 

 

 

CONTINUA A LEGGERE
 
LA RIVOLUZIONE AGRARIA NELLA COLTIVAZIONE DELL'ULIVO PDF E-mail
Share

 

 

I dati fanno emergere in maniera chiara che se ci fosse abbastanza olio

d'oliva ad un prezzo più competitivo allora sarebbero notevolmente

ridimensionati i danni causati dall'uso smodato degli oli di palma, di

soia e di mais da parte delle grandi produzione industriali.

È evidente che chi contesta le importazioni ,pur sapendo che la

produzione italiana è insufficiente per il fabbisogno nazionale, sta

facendo il gioco delle parti.

Per favorire l'economia agraria e conserve allo stesso tempo tradizioni

e cultura,la ricetta è semplice:è necessario produrre di più e meglio .

E' NECESSARIO affiancare ad ulivi secolari e di una bellezza da

cartolina ,alberi più produttivi e sostenibili.

E' NECESSARIO affidarsi alla ricerca delle università (Le nostre sono

fantastiche ed i bravissimi relatori di questa sera lo hanno dimostrato

appieno). Non è certamente l'olio straniero ad impoverire la filiera ma

la cattiva pratica agricola.

La stragrande produzione italiana è di olio lampante, di conseguenza,

il prezzo è giustamente più basso rispetto a quello dell'extravergine.

Senza tante sterili polemiche ricordiamoci che l'olio buono in Italia è

venduto direttamente al consumatore finale e spesso, anzi quasi sempre e

per la felicità di tutti, non si pagano dazi a nessuno.

Ricordiamoci anche che gli oli buoni o quantomeno quelli con le medaglie

e le stelle li vendiamo benissimo nel mondo a prezzi ESORBITANTI.

Fare bene il presente è il migliore investimento per il futuro e se uno

strumento all'interno della banda stona , bisogna avere la capacità di

identificarlo e sostitutuirlo subito.

Alle coltivazioni assetate di sole e di vento ,di acqua e veleni ,di

schiavi e caporali, io preferisco la pace ,preferisco l'ulivo.

Buone Palme ,pace e felicità a tutti e a tutti Buona Pasqua!

Angelo Pisciotti

 

 

LEGGI TUTTO
 
CHI SIAMO
Share

L'Associazione "La Sentinella del Gusto" nasce con un semplice ed, allo stesso tempo, ambizioso scopo e si propone di praticare, promuovere e diffondere la cultura di mangiare e bere con coscienza e consapevolezza.

L'operato delle Sentinelle è basato su queste azioni principali: acquisire, conoscere, applicare, costituire, vigilare e denunciare, ovvero:

  • la conoscenza degli elementi principali per la valutazione qualitativa dei prodotti alimentari, delle tecniche utilizzate per la loro realizzazione, trasformazione e somministrazioneAcquisire
  • Conoscere le varietà e le caratteristiche dei prodotti per meglio utilizzarli in cucina e per la salvaguardia della salute
  • nella propria cucina la scelta di buoni ingredienti e la corretta preparazione del cibo come cultura specifica del territorio e delle sue tradizioniApplicare
  • Costituire una "Carta del cibo" che diventi uno strumento di orientamento e di conoscenza sul prodotto, da utilizzare sia presso il negozio alimentare che presso i ristoratori
  • Vigilare sulla qualità dei prodotti alimentari e denunciare su questo sito chi produce, vende o somministra cibo scadente o di dubbia provenienza, attentando di fatto alla salute dei consumatori               

                                                             You need to a flashplayer enabled browser to view this YouTube video

                                                                                                                                                                                                                Nata da un'idea, una delle tante, di un ispirato imprenditore del settore alimentare, "La Sentinella del Gusto" ha subito coinvolto numerose persone e continua ad affiliare soci durante la propria attività, affermandosi come ente culturale, apolitico, basato sulla comunicazione libera.

Lo strumento attualmente più utilizzato per la diffusione delle tematiche che stanno a cuore all'associazione è la "Sala didattica", momento fondamentale di incontro dei soci, tra loro e con operatori ed esperti del settore alimentare. In questi eventi, infatti, vengono coinvolti professori universitari, esperti alimentaristi, produttori, ristoratori, esercenti, ecc. ai quali viene affidata la trattazione di un argomento, di solito monotematico, cui viene affiancata la degustazione dell'oggetto della riunione.
Questo metodo teorico/empirico, consente di verificare immediatamente e praticamente le informazioni ricevute, di confrontare le proprie impressioni ed idee con gli altri soci e discuterle con gli esperti, arricchendo la propria cultura della buona alimentazione.

Oltre all'organizzazione delle sale didattiche, "La Sentinella del Gusto" partecipa attivamente agli eventi culturali legati al settore alimentare, consapevole che su queste tematiche si gioca una parte importante della qualità della vita.

 
Rivisita le nostre sale didattiche
Share

 

 

Le ricette della Sentinella

Questo sito web utilizza cookie per raccogliere informazioni al fine di migliorare i nostri servizi, così come l'analisi delle vostre abitudini di navigazione. Continuare la navigazione, implica l'accettazione di installarli. L'utente può configurare il browser se lo si desidera per impedire l'installazione, ma si deve tener conto del fatto che tale azione può causare difficoltà di navigazione web. Maggiori informazioni privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information